Vai a sottomenu e altri contenuti

Archivio storico comunale

L'Archivio Storico Comunale di Olevano Romano (=ASCO) rappresenta un piccolo gioiello della nostra comunità, una pietra miliare per la ricostruzione della nostra memoria storica.

 

Il suo pezzo più antico – nonché quello di maggior prestigio – è certamente lo Statutum Olibani, il codice membranaceo risalente al 1364 e contenente le norme che regolamentavano la vita all'interno del nostro borgo medievale.

Un manoscritto di ottima fattura e conservato in perfette condizioni, che occupa un posto di prestigio nel panorama degli statuti comunali laziali ; per questo recentemente è stato interamente digitalizzato, così da poterlo mettere a disposizione degli utenti che potranno consultarlo e sfogliarlo virtualmente da remoto.

 

Ma il nostro patrimonio documentale ci offre altri pezzi unici, tra cui: tre catasti che coprono un arco temporale che va dal 1500 al 1778; faldoni di documenti sciolti; il testamento di Vincenzo Antonelli con l'inventario dei fondi rustici ed urbani e censi attivi sia ad Olevano che a Serrone e tutti gli atti riguardanti la pia eredità Antonelli.

 

A tutto ciò si uniscono i pezzi archivistici costituenti la parte più “recente” dell'archivio, quella del post-unitario, ove trovano collocazione i registri di delibere del Consiglio e di Giunta, i mandati di pagamento, i registri dello Stato civile.

 

Attualmente l'archivio è collocato nelle sue due sedi, l'una all'interno del Palazzo Comunale – ove sono conservati i documenti della sezione pre-unitaria e gli archivi aggregati –, e l'altra in una sede propria esterna all'edificio comunale, prima adibita a consultorio familiare – ove trovano collocazione i registri e i documenti della sezione post-unitaria.

 

Per poter accedere all'archivio è necessario scrivere all'indirizzo:

archivio_storico@comune.olevanoromano.rm.it

e prendere preventivamente un appuntamento, indicando il materiale da visionare e motivandone la richiesta.

 

Per consultare l'inventario dell'ASCO basta cliccare sul seguente link:

Progetto Rinasco